Cento rende omaggio al suo cittadino più illustre, Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino. Da sabato 9 novembre, ingresso gratuito per l’occasione, e fino al 15 febbraio 2020, alla Pinacoteca San Lorenzo e alla Rocca la mostra “Emozione barocca. Il Guercino a Cento” documenta l’evoluzione dell’artista centese, dalla formazione alla maturità. L’esposizione, curata da Daniele Benati con ingresso a 12 euro, raccoglie 27 dipinti, 32 affreschi e 20 disegni, opere in gran parte appartenenti al patrimonio culturale cittadino e mai più esposte al pubblico dopo il terremoto del 2012. Come le tele della Cappella Barbieri della Chiesa del Rosario, cappella di famiglia del pittore ricostruita all’interno del percorso espositivo, insieme ad altre opere della Pinacoteca Civica di Cento, attualmente inagibile. L’itinerario, che parte dalla Pinacoteca San Lorenzo, si apre con i lavori di tre maestri ai quali il Guercino guardò con interesse negli anni dei suoi esordi come Ludovico Carracci, Carlo Bononi e il ferrarese Scarsellino. Alla Rocca i visitatori saranno poi accompagnati tra le opere giovanili del Guercino, caratterizzate da una pittura che risente del tonalismo di scuola veneziana. A chiudere idealmente il percorso ecco la prima opera di Guercino finora conosciuta, realizzata all’età di otto anni sul muro della casa paterna a Cento, che raffigura la Madonna della Ghiara.

Info: www.guercinoacento.it